Lo spirito del blog - La vita: commedia o tragedia?

Questione di inquadrature. La commedia è la vita in campo lungo e la tragedia la vita in primo piano. Se inquadri da lontano un uomo che cammina per strada e scivola su una buccia di banana, è divertente. Ma se ti avvicini, non è più divertente perchè si vede il dolore... Per comprendere la mia vita e quella altrui mi sforzo di osservare sempre attraverso la doppia inquadratura... Così quando prendi qualcosa troppo sul serio riesci magari anche a riderne e a conservare il buon umore... E invece quando prendi qualcosa troppo poco sul serio scopri che devi fermarti e comprenderla...

PS. Potete ricevere gli aggiornamenti direttamente al vostro indirizzo di posta elettronica, iscrivendovi al link a fianco.

venerdì 5 settembre 2008

Una classe in treno...

Sali su un treno. Hai il tuo bel libro da leggere. Trovi uno scompartimento vuoto e ti tuffi nella lettura come un pinguino accaldato. Non passano cinque minuti che lo scompartimento viene preso d'assalto da un gruppo di 8 quindicenni (i posti dello scompartimento sono notoriamente 6 e io ne occupavo uno) reduci da Gardaland e quindi traboccanti di adrenalina. Naturalmente vogliono stare tutti insieme e il mio è lo scompartimento più vuoto. Il più alto di loro, che poi si scoprirà essere Zano (nell'era di msn il nickname è il vero nome), entrando vede il libro che sto leggendo e mi fa "Lo sto leggendo anche io, ma mi sa che se vuole continuare a leggere deve cambiare scompartimento". Me lo dice con una tale simpatia e facciatosta che metto da parte il libro e mi tuffo nella conversazione con questi 8 meravigliosi quindicenni, che non appena scoprono di avere davanti un prof, scatenano la loro adrenalina sul malcapitato. Sì perchè i quindicenni quando vedono i prof nella vita quotidiana diventano voraci. Loro pensano che i prof tornati a casa si chiudano in un sarcofago e ne escano, come Dracula, solo al momento di succhiare il sangue ai loro alunni. Mi sottopongo alle tre domande di rito che il giovane prof inevitabilmente subisce: Quanti anni ha? E' fidanzato? Perchè ha scelto di fare il prof? Domande che per altro individuano il nocciolo che a loro interessa: la tua vita è una vita che vale la pena o no? Su cosa la fondi? Dopo tocca a me. Prima facciamo l'appello, come in ogni buona lezione, ma l'appello non convenzionale dei nickname. Ed ecco la mia classe: Niki, Sere, Babi, Mura, Olo, Iaci, Zano, Sim1 (one). Tutti rigorosamente mono o bisillabi, di cui ben due di origine mocciana (Moccia è il re indiscusso del nome mono o bisillabico: Step, Babi, Niki, Pollo...). Hanno gli occhi che brillano, pieni di speranza e di sogni, che la scuola, che ricomincia, naturalmente minaccia. Chiedo loro le canzoni, film, libri preferiti. Liga e Vasco dominano indiscussi. Tra i film mi stupisco di trovare un Grease e un American History X. Tra i libri brillano Moccia, ma anche L'amico ritrovato, La variante di Lunenburg e un imprevedibile Dei, eroi, uomini. Dicono che non amano leggere, ma quando tirano fuori un libro che è loro piaciuto brillano loro gli occhi e ti spiegano perchè. Hanno tanti interessi e passioni: danza, calcio, equitazione, moto... Hanno i loro locali di riferimento. Quasi nessuno fuma. Non bevono molto, ma non disdegnano qualche sbornia. Una di loro candidamente mi dice: "Dovevo scegliere tra bere e fumare, e ho scelto di fumare". Non stanno fermi un attimo, mi fanno dei giochi di prestigio con le carte, si pettinano, si abbracciano, ridono, si prendono in giro. Sono di una simpatia travolgente. Il viaggio vola via. Squilla il telefono di Sere e lei non risponde. Poi mi dice: "è mia madre, che vorrà sapere dove sono finita, ma io non rispondo". Lo dice con il sorriso di chi sta crescendo e non di chi sta facendo un dispetto. Ci salutiamo con un reciproco inboccallupo e prometto loro che il post dell'indomani (oggi) sarebbe stato loro: "Siete troppo belli per non essere raccontati". Si mettono a ridere. Ringraziano e vogliono l'indirizzo del blog. Torno a casa. Ho il cuore pieno degli sguardi semplici e meravigliati di questi ragazzi entusiasti della vita e in cerca del loro posto nel mondo, la loro storia da raccontare. Lontana l'eco della scuola dei bulli, dei violenti, dei borderline... quella che ci fanno vedere in tv, che però è solo una piccola percentuale. La scuola è questi 8 ragazzi, più o meno studiosi, ma pieni di quella vita che io ho la fortuna di incoraggiare e aiutare a svilupparsi.

9 commenti:

SussurroDiFata ha detto...

...ma "ufficiosamente" mando a quel paese i miei *barbari*...ogni giorno!! Ufficialmente solo nei momenti "canonici" (scrutini, consegna schede, visite d'istruzione etc...) ;)))

...pensi che, in caso contrario, potrei sopravvivere?? Giammai! :pppp


Però li adoro...e cerco di vedere ogni volta quello che hai sentito, respirato, accarezzato e vissuto sul treno :) Un'esperienza indimenticabile vero?

Buona giornata...

sghicio ha detto...

eih, quasi mi commuove questo post!
grande te che ce lo hai raccontato, grande la vita che ci reagala tante belle realtà e ci fa riflettere...

Anonimo ha detto...

Salve sono la mamma di un componente della simpatica ciurma, volevo davvero ringraziarla per avermi rincuorato su questi ragazzi.
Penso sappia molto bene cosa vuoldire avere a che fare con gli adolescenti di oggi e con il mondo con cui si devono relazionare.
Sono davvero contenta che abbia visto negli occhi dei nostri figli l'ingenuità, la semplicità e la voglia di scoperta che dovrebbe caratterizzare la loro età dimostrando che i ragazzi non sono tutti come la televisione ci mostra oggi.
La ringrazio ancora e le auguro di scoprire questa spontaneità e "innocenza" anche nei suoi studenti.

Gigifix ha detto...

Ale, ti prego! "inboccallupo" non è da te: non lasciarti andare a questi gerghi "mocciani" e "brizziani"...
comunque bel post.

Prof 2.0 ha detto...

sussurrodifata: indimenticabile.

sghicio: grazie.

mamma di uno dei ragazzi della ciurma: gentile signora, grazie del suo commento. Mi ha veramente fatto piacere. La paura spesso prende il cuore dei genitori, è normale che sia così, dal momento che viviamo immersi in immagini di paura. Il mondo sembra il bosco di cappuccettorosso pronto a divorare i nostri figli. Proviamo a conservarla la purezza dello sguardo di questi ragazzi. La collaborazione genitori-professori-figli è l'unica bomba che può fare esplodere certe dinamiche di paura. Questo scambio di parole è già molto. Grazie.

gigifix: sorveglia sempre il mio lessico, mi raccomando. Ma sai frequentando moccia prima o poi si finisce per mocciare...

Anonimo ha detto...

:-) salve sono "Mura"!
beh direi che sono senza parole...bellissimo intervento!
sarebbe bello avere un prof come lei! :-)
in bocca al lupo!
p.s. ma lei ha il contatto di msn?

Prof 2.0 ha detto...

Ciao Mura, ben ritrovato!
Una volta dovete venire a trovarmi a Milano. Ci prendiamo un gelato.

il mio indirizzo msn è:

zefirino@yahoo.it

ma non lo uso spesso.
Scrivimi qui o alla mail che compare sul blog.
Salutami gli altri della cricca...

Anonimo ha detto...

va bè io la aggiungo lo stesso...
Certo le saluto tutti e le farò sapere per il gelato! Sperando che non perdiamo più il treno come quel giorno che siamo rimasti fino alle 10 e mezza in stazione :-) che ridere! :-)

Prof 2.0 ha detto...

Che ridere! Almeno avrete imparato la lezione... Se vuoi potete aggiungermi su facebook: Alessandro D'Avenia.
A presto