Lo spirito del blog - La vita: commedia o tragedia?

Questione di inquadrature. La commedia è la vita in campo lungo e la tragedia la vita in primo piano. Se inquadri da lontano un uomo che cammina per strada e scivola su una buccia di banana, è divertente. Ma se ti avvicini, non è più divertente perchè si vede il dolore... Per comprendere la mia vita e quella altrui mi sforzo di osservare sempre attraverso la doppia inquadratura... Così quando prendi qualcosa troppo sul serio riesci magari anche a riderne e a conservare il buon umore... E invece quando prendi qualcosa troppo poco sul serio scopri che devi fermarti e comprenderla...

PS. Potete ricevere gli aggiornamenti direttamente al vostro indirizzo di posta elettronica, iscrivendovi al link a fianco.

giovedì 22 maggio 2008

Isole

Esiste un'isola del Pacifico in cui gli abitanti non dividono le cose e le persone in genere maschile e femminile, ma in "cose che provengono dal cielo" e "cose che provengono dal mare".

Mi piace pensare che provengano dal mare: la donna, la bellezza, la vita, la morte, la nostalgia, la pace, la passione, l'immaginazione, la memoria, la parola...

Mi piace pensare che provengano dal cielo: l'uomo, l'amore, il vento, il lavoro, il corpo, il dolore, il sogno, il cuore...

Sull'isola tutto è donato. E cielo e mare non si incontrano sulla linea dell'orizzonte, ma nel cuore degli isolani.

2 commenti:

Marco ha detto...

al di là dell'alone romantico-poetico, quasi da catena di sant'antonio di serie a, il tuo intervento è come è lecito aspettarsi molto profondo.

fa riflettere..

la divisione "dei compiti" tra cielo e mare non è contrapposizione bensì compenetrazione, completamento..e allora che visione fantastica diviene il tramonto sul mare:

cielo e mare, uomo e donna, amore e passione, sogno e immaginazione che si incontrano in un turbinio emozionale che si avvicina alla perfezione, in un carnevale un po' mistico che ha del divino..e il sole?

il sole sta a guardare quello che ha fatto, e se ne compiace, tingendo di rosso il Creato

Prof 2.0 ha detto...

Grazie Marco, credo tu abbia completato questo piccolo mito in miniatura con l'immagine che mancava...