Lo spirito del blog - La vita: commedia o tragedia?

Questione di inquadrature. La commedia è la vita in campo lungo e la tragedia la vita in primo piano. Se inquadri da lontano un uomo che cammina per strada e scivola su una buccia di banana, è divertente. Ma se ti avvicini, non è più divertente perchè si vede il dolore... Per comprendere la mia vita e quella altrui mi sforzo di osservare sempre attraverso la doppia inquadratura... Così quando prendi qualcosa troppo sul serio riesci magari anche a riderne e a conservare il buon umore... E invece quando prendi qualcosa troppo poco sul serio scopri che devi fermarti e comprenderla...

PS. Potete ricevere gli aggiornamenti direttamente al vostro indirizzo di posta elettronica, iscrivendovi al link a fianco.

venerdì 4 luglio 2008

La formula

Prof 2.0 ha ritrovato a proposito del post di ieri sull'autenticità una brevissima prosa di Buzzati, sua grande passione dell'ultimo anno di liceo. Ogni tanto la rileggerà per ricordarsela. Compito per casa per gli alunni-cittadini di Shit City: impararla a memoria. Non ci sono interrogazioni. Ma vi conviene studiare... Sarà la vita ad interrogarvi.

Di che hai paura imbecille? Della gente che sta a guardare? Dei posteri, per strano caso? Basterebbe una cosa da niente per riuscire ad essere te stesso, con tutte le stupidità attinenti, ma autentico, indiscutibile. La sincerità assoluta sarebbe di per se stessa un documento tale! Chi potrebbe muovere obiezioni? Questo è l’uomo, uno dei tanti se volete, ma uno. Per l’eternità gli altri sarebbero costretti a tenerne conto, stupefatti
D.Buzzati, La fornula

3 commenti:

Ape studente ha detto...

Di che abbiamo paura? "Basterebbe una cosa da niente...". Il punto è che in noi, a volte, c'è una sorta di stravagante ostinazione per cui le cose più semplici ci sembrano difficilissime. E i nostri circuiti mentali ci presentano mille difficoltà inesistenti che, a furia di considerarle, ci sembrano reali.

Grazie mille Prof.

Laquintafiglia ha detto...

Abbiamo paura di scoprirci imperfetti ai nostri occhi e a quelli degli altri e quindi di non essere accettati o di essere abbandonati...Ma chi non ci ama così come siamo non ci ama veramente e quindi va bene così...

Sorella lost

Prof 2.0 ha detto...

Ape: grazie a te e a Buzzati.

Laquintafiglia: va bene così.