Lo spirito del blog - La vita: commedia o tragedia?

Questione di inquadrature. La commedia è la vita in campo lungo e la tragedia la vita in primo piano. Se inquadri da lontano un uomo che cammina per strada e scivola su una buccia di banana, è divertente. Ma se ti avvicini, non è più divertente perchè si vede il dolore... Per comprendere la mia vita e quella altrui mi sforzo di osservare sempre attraverso la doppia inquadratura... Così quando prendi qualcosa troppo sul serio riesci magari anche a riderne e a conservare il buon umore... E invece quando prendi qualcosa troppo poco sul serio scopri che devi fermarti e comprenderla...

PS. Potete ricevere gli aggiornamenti direttamente al vostro indirizzo di posta elettronica, iscrivendovi al link a fianco.

mercoledì 30 luglio 2008

De reditu suo


Oggi Prof 2.0 torna in Italia. Non avrà tempo per il blog, ma vi regala un sorriso con Calvin impegnato a stupirsi del fatto che anche i prof d'estate vadano in vacanza... (coffin: sarcofago).

2 commenti:

Lollo osta ha detto...

Ciao Alex the Great! Finalmente riesco a scriverti dopo che il mio belin di computer è andato in palla..
Mi manca l'Oratory! Noi genovesi ci siamo divertiti un casino e ci dispiace un sacco che sia già finito
tutto. ci mancano le tue conversazioni di fuoco. certo che ti accorgi molto di più che una cosa è bella, quando è finita, vero? Sono contento che ci siamo conosciuti bene, dopo varie volte che ci eravamo visti in altre convivenze. Sto per avere uno scatto isterico....occhio....gsdfgaslgfalj
hasdfkgajhsgfkjashdgfkajhgdfjkasghd
ahsdjfhajskdhfakjsdhflkajshdfakjdhf
asdfasdf...ok tutto a posto. Quand'è che ci vediamo che ti faccio un'altra SONATA al pianoforte? Dai vieni al più presto a Genova, la SHIT CITY più bella del mondo.

Prof 2.0 ha detto...

Ciao Lollo. Che giorni meravigliosi che abbiamo passato. é vero, la mancanza ci fa capire la bellezza di quanto abbiamo vissuto, ma questa è una nostalgia buona. Una casa a cui poter ritornare tutte le volte che vorremo con il ricordo, perchè quello che abbiamo vissuto nessuno può portarcelo più via. A presto. A Genova.