Lo spirito del blog - La vita: commedia o tragedia?

Questione di inquadrature. La commedia è la vita in campo lungo e la tragedia la vita in primo piano. Se inquadri da lontano un uomo che cammina per strada e scivola su una buccia di banana, è divertente. Ma se ti avvicini, non è più divertente perchè si vede il dolore... Per comprendere la mia vita e quella altrui mi sforzo di osservare sempre attraverso la doppia inquadratura... Così quando prendi qualcosa troppo sul serio riesci magari anche a riderne e a conservare il buon umore... E invece quando prendi qualcosa troppo poco sul serio scopri che devi fermarti e comprenderla...

PS. Potete ricevere gli aggiornamenti direttamente al vostro indirizzo di posta elettronica, iscrivendovi al link a fianco.

lunedì 1 dicembre 2008

La poesia salva la vita...

...perché insegna ad amare.

video
Quando le parole sono svilite, inaridite, indebolite finiscono con lo spegnersi e sparire, e con esse si spegne ciò che nominano.

27 commenti:

AleOli ha detto...

Grazie prof! Non l'avevo mai visto, ne avevo bisogno... e condivido pienamente, sperando di riuscendo a vivere anche tutta questa bellezza! Che speranza in queste parole...

Giovanni Affinita ha detto...

...

Prof 2.0 ha detto...

AleOli: tutti ne abbiamo bisogno.

Giovanni: ...

Giovanni Affinita ha detto...

scusami Ale, ma dopo il video non sono riuscito ad articolare un pensiero scritto. Il messaggio trasmesso è molto potente, è stato un cannone. Come scriveva un mio amico (forse lo conosci...daroco.blogspot.com) : "la bellezza va allenata, va tenuta in tensione, perché la bellezza è origine dello stupore e senza stupore non c'è bellezza." : e questo è un bel messaggio, soprattutto per un economista circondato dai numeri.

Perchè allora, invece di non scrivere niente, ho lasciato i puntini sospensivi? Diciamo che ho conosciuto una persona che mi ha aiutato a comprendere il valore profondo del silenzio. ;-)

Terry ha detto...

Il video mi ha davvero colpito, anche io sono senza parole.

Invece, riguardo alla frase "Quando le parole sono svilite, inaridite, indebolite finiscono con lo spegnersi e sparire, e con esse si spegne ciò che nominano."... è celebre, o è un commento del Prof a questo video? Perchè la trovo spettacolare, anche se vorrei approfondirla perchè non la comprendo a fondo. Sia ben inteso, io amo scrivere e leggere, ma non avevo mai riflettuto a fondo su questo aspetto della scrittura. C'entra con quello che dice Orwell in 1984 sul potere della parola, o è una cosa diversa? E vale anche il contrario? La parola può illuminare ciò che nomina? Ma lo illumina nel senso che lo rende più grande di quello che è, o lo mostra solo in tutta la sua bellezza?
Sono contorta? Se sì mi spiace, però volevo capire meglio!

Anonimo ha detto...

una domanda: perché, visto il filmato, molti intellettuali mettono Benigni e i suoi propositi come esempio di tv trash, e paradossalmente, i prof più entusiasti che conosco si sentono rincuorati da cose di questo tipo? o non capisco Dante, o non capisco gli intellettuali, o Benigni, o i proff appassionati...
screwball

Prof 2.0 ha detto...

Giovanni: ti avevo capito perfettamente e avevo risposto con un silenzio altrettanto pieno. Ho apprezzato!

Terry: la frase è del povero prof. ch eogni tanto ne azzecca qualcuna senza saperlo. Chiaramente è una provocazione, ma neanche tanto. L'idea che mi sono fatto è che le parole più sono depotenziate più indeboliscono la cosa stessa, almeno simbolicamente. Ti faccio un esempio. Oggi non si dice più: questa è la mia fidanzata, il mio fidanzato, ma ho la donna, ho il tipo, la mia ragazza/o. Perché? Per varie ragioni culturali e sociologiche che non mi interessano qui, ma a forza di non chiamarli fidanzati i fidanzati stanno sparendo... La paura delle parole e della loro verità è indebolita e con essa i contenuti delle cose.

screwball: perchè gli intellettuali vivono in torri d'avorio e sono per lo più invidiosi dell'amore che altri provano e il loro cuore, a volte arido, non conosce... E lo dico per esperienza.

Terry ha detto...

Wow, è proprio vero. L'argomento mi intriga. Mi viene da prenderlo seriamente: conosci per caso qualche libro (o articolo) in cui se ne parli in modo più approfondito? O almeno, che vi si accenni?
Non sono sempre così stressante (be', un po' sì)... E' che sono proprio rimasta colpita.

Giovanni Affinita ha detto...

d'altronde, tra meridionali ci si intende!

:-)
:-)


anzi, tra uomini, ci si intende.

Prof 2.0 ha detto...

Terry: tutta la poesia parla di questo. Leggi i poeti, ma per intero. Niente antologie. E vedrai rinascere parole e cose. Un libro utile in questo senso è Vere Presenze, di George Steiner, Garzanti.

giovanni: ;-) maschilista!

Giovanni Affinita ha detto...

uhm....forse avrei dovuto usare la lettera maiuscola....


"...tra Uomini..." ;-)

Terry ha detto...

Bene, domani vado giusto in libreria col mio caro papi e quindi posso approfittarne per cercarlo. Bisogna sempre approfittare dei giri in libreria con i genitori.
Ad ogni modo, grazie per il consiglio. Non conosco molto bene la poesia, è una mia mancanza, non insolita, devo dire, tra i ragazzi della mia età. Vedrò di rimediare come posso, per esempio vedendo che cos'ho in casa!

Prof 2.0 ha detto...

giovanni: adesso ci siamo...

terry: se vuoi fare la giornalista devi leggere un sacco di poesia. Ti insegna ad amare le parole: poche e precise. Ti insegna ad amare la verità delle parole.

Terry ha detto...

Sì, mi hai convinta!! Devo iniziare a leggerla.
Ieri sera ho trovato Bufera di Montale e ho letto un paio di poesie (un po' ostiche per me, in verità) e ora mi faccio prestare da un'amica I fiori del male.

Prof 2.0 ha detto...

Terry: se ti piace Montale comincia con Gli ossi di seppia. QUanto alla poesia in lingua straniera: se non sai bene la lingua d'origine privilegia la buona poesia italiana, altrimenti ti perdi molto, troppo. Anche Ungaretti (Il dolore) non è da sottovalutare. Io ti consiglio: La voce a te dovuta, di Pedro Salinas, Einaudi. Rimarrai conquistata.

Terry ha detto...

Thanks, qualche dritta ci voleva proprio!

Pokankuni (ma non seguiva sempre questo blog? dov'è finita?), hai preso nota del fatto che mi devi regalare questi libri? ;)

Pokankuni ha detto...

E' doveroso che io mi riferisca al post di Prof2.0 di oggi: quest'anno niente di venale, ti regalerò solo il mio caldo affetto materno. :oP

Terry ha detto...

E chi parlava di regali di Natale? Io mi riferivo a un tuo insindacabile dovere di riempirmi sempre e comunque di libri. Non sei d'accordo? Mi spiego: la mia non era una richiesta, era un memorandum.

(PS: tu che sai tutto sulle regole del galateo del bravo blogghista, pensi, come sospetto, che discussioni familiari in altrui blog le infrangano?)

Prof 2.0 ha detto...

Terry e Pokankuni: non sono responsabile di eventuali drammi familiari... ;-)

Terry ha detto...

Finalmente ho scovato Ossi di seppia nella biblioteca della mia scuola. L'ho iniziato. In effetti mi sta piacendo, è più comprensibile dell'altro, anche se ogni poesia mi impone lunghe letture e riflessioni e quindi, a parte una sfogliata e il ritrovamento di un paio di poesie celebri che mi avevano colpito ai tempi delle medie, sto ancora meditando sulla prima (In Limine). Ma è normale che io ci stia su così tanto tempo? Però non mi sembrano riflessioni sterili, a qualcosa arrivo.
E' vero che se ho qualche dubbio posso chiedere a te, Prof? Ne ho già fin troppi.

Prof 2.0 ha detto...

Terry: non chiedere commenti e spiegazioni! La scuola forse ci ha reso tutti scemi??? La poesia è fatta per il lettore, non per i professori. Goditela da sola. Leggila e rileggila. Imparala a memoria e vedrai che il significato a poco a poco ti si aprirà davanti. In limine è una poesia meravigliosa.
Già il fatto che tu dica "mi impone lunghe letture e riflessioni" significa sta succedendo quello che deve succedere: ti costringe al silenzio, ti costringe a scavare, ti costringe ad amare quelle parole, a riscoprirle, e con esse le parti di realtà che nominano. E allora forse quel vento che entra nel pomario ti farà riscoprire il vento e il suo sussurro che rende vive le cose...

Terry ha detto...

In parte sono d'accordo! Il fatto di starci su il più possibile, il che non è uno sforzo, visto che, come ho detto, è come se me lo imponesse la poesia stessa. Scavare, imparare a memoria, amare le parole... Hai reso benissimo l'idea ed è proprio quello che sto cercando di fare.
Però secondo me non basta, o, almeno, non basta per me. Sono sempre delle ipotesi (e, ci scommetto, quasi sempre false o ridottissime), non è detto che io sia arrivata a quello che voleva dire l'autore. E io lo voglio capire, se no non ho capito davvero la poesia, ma quello che ci volevo vedere io. Fosse anche una prospettiva troppo scolastica (o come si dice)... che c'è di male?

Prof 2.0 ha detto...

Terry: hai ragione e capisco perfettamente la tua inquietudine. Tu leggi tutta la raccolta e apoco a poco quel mondo di parole che ha le sue regole proprie ti si farà chiaro. Solo alla fine consulta l'esperto. Ma prima, ti prego, leggi tutta la raccolta. Troverai parole che tornano e che si chiariscono. Provocazione: secondo te è nata prima la poesia o quelli che la spiegavano?

Terry ha detto...

Sto leggendo Vere Presenze... Non è affatto facile! Comunque, nonostante le difficoltà, mi sta interessando molto. Grazie!

Prof 2.0 ha detto...

Terry: non è un libro facile. Abbi pazienza. Leggilo tutto. E la fatica verrà ripagata con un vaccino formidabile contro le perdite di tempo scolastiche e universitarie...

Terry ha detto...

Ma non è un po' relativista, lui? O ho totalmente frainteso?

Prof 2.0 ha detto...

terry: tutt'altro! Leggi tutto fino alla fine.