Lo spirito del blog - La vita: commedia o tragedia?

Questione di inquadrature. La commedia è la vita in campo lungo e la tragedia la vita in primo piano. Se inquadri da lontano un uomo che cammina per strada e scivola su una buccia di banana, è divertente. Ma se ti avvicini, non è più divertente perchè si vede il dolore... Per comprendere la mia vita e quella altrui mi sforzo di osservare sempre attraverso la doppia inquadratura... Così quando prendi qualcosa troppo sul serio riesci magari anche a riderne e a conservare il buon umore... E invece quando prendi qualcosa troppo poco sul serio scopri che devi fermarti e comprenderla...

PS. Potete ricevere gli aggiornamenti direttamente al vostro indirizzo di posta elettronica, iscrivendovi al link a fianco.

venerdì 13 marzo 2009

Corsi di recupero

Tra le amenità che un professore può scegliere per passare i suoi pomeriggi oggi ci sono i corsi di recupero. Due ore di latino o greco per risvegliare i cervelli assopiti di alcuni ragazzi che non arrivano alla sufficienza. Mi ritrovo con i miei 15 alunni assetati di sapere alle ore 15. Hanno finito le loro sei ore di lezioni alle 14. Hanno ingurgitato qualche schifezza da McDonald e adesso eccoli qua, con gli occhi sbarrati in preda alla digestione ciclopica tipica di McDonald e un "abbiocco" di proporzioni colossali, alle prese con la traduzione dal greco o dal latino. Io che sono più "abbioccato" di loro cerco di aiutarli a destreggiarsi nei meandri di quella strana attività che è la traduzione da una lingua morta. Ne combinano di tutti i colori. Altrimenti non avrebbero bisogno del recupero. La traduzione dal greco o dal latino è una specie di laboratorio per la vita reale. La soluzione di un problema difficile, che richiede competenze varie e complesse, come quasi nessun altro esercizio scolastico. La primavera fuori impazza, gli ormoni dei miei ragazzi si agitano come in un frullatore. A fatica conquistiamo una riga dopo l'altra. Il sudore scorre sulla fronte. Sguardi truci di vendetta sui loro volti. E tutti, tutti, vorremo fuggire nell'azzurra primavera che fuori grida...

Così è e sarà nella vita. Fuggire dal problema o mettersi sotto e cercare la soluzione con tutte le risorse a disposizione?

9 commenti:

Anonimo ha detto...

fuggire, fuggire! oppure rimanere a tirare quella corda...? dilemma.
io vivo la stessa cosa per le certificazioni di inglese, collega: esercizi di grammatica e pronuncia misto ai panini che si agitano ancora impazziti dentro lo stomaco :)

*anna*

Vanda ha detto...

Subito mi verrebbe da dire :"Fuggire!"
Solo per le cose importanti lottare e impegnarsi!
Ad ognuno l'arduo compito di stabilire quali sono le cose importani! ; )

Anonimo ha detto...

E' banale dirlo, ma fuggire è arrendersi. Anche se a volte nella vita capita, credo che si debba sempre affrontare quello che s'incontra nel proprio cammino.
Oggi è una versione di latino o greco, domani sarà un'altra prova che la vita ci pone.
Ma la molla di tutto, per me, è cercare sempre nuove soluzioni...prima o poi, il nostro "non ci riesco" cambierà forma.
Carmen

Charles ha detto...

Fuggire o cercare soluzioni?
Bel dilemma.
Si puo fuggire dai McDonald per rinunciare al colesterolo della patatine fritte, oppure scoprire che ci sono anche sane insalate superbe e panini con ingredienti di qualità ben più elevata di moltissimi ristoranti rinomati.

Fuggire o cercare soluzioni.
Si fugge per l'apparenza superficiale.
La soluzione è da ricercare sotto l'apparenza.
Sul retro delle tovagliette dei vassoi di McDonald ci sono le tabelle nutrizionali.

Non pensavo che si potesse trovare una filosofia fast-food! :-)

Ma l'abbiocco... non è forse dovuto al fatto che finiscono scuola alle ore 14, dopo 6 ore di lezioni?

Bye,
Charles

Francesco M. ha detto...

Bisogna cercare la soluzione!

Anche perchè non credo che la vita presenti qualcosa di più complicato di una versione di greco! Se si risolvono quelle, si può risolvere tutto!


p.s. Non so fino a che punto sono ironico... :D

Prof 2.0 ha detto...

anna: come ti capisco...

vanda: sono d'accordo!

carmen: il nostro non ci riesco cambierà forma. Bellissimo!

charles: assolutamente sì. A volte ci dimentichiamo che i ragazzi e i prof hanno un corpo, non solo menti...

francesco: quelli sono i primi grandi drammi della vita...

Francesco ha detto...

Risolvere.
Le cose facili sono per tutti...

Claire ha detto...

Credo che alle volte sia importante affrontare ostinatamente qualcosa,con tutte le proprie forze.
Mi sono imbattuta in un nodo simile da districare qualche mese fa,rispondeva al nome "economia politica";ho faticato,mi sono adirata,ho affrontato l' esame e sono stata bocciata.Ho preso visione del mio compito,corretto,e solo in quel momento ho veramente capito-di-aver-capito.
E non mi è dispiaciuto affatto ricevere lo schiaffo di una bocciatura,visto che adesso,sfogliando il libro, so riconoscere un grafico a distanza,e anche spiegarlo a qualche paziente astante.
Non mi resta che dire: arrivederci a Maggio,questa volta speriamo davvero bene.
Ciao,Claire.

Prof 2.0 ha detto...

Francesco: "le cose belle sono difficili" (Platone)

Claire: in bocca al lupo e grazie della sincerità!