Lo spirito del blog - La vita: commedia o tragedia?

Questione di inquadrature. La commedia è la vita in campo lungo e la tragedia la vita in primo piano. Se inquadri da lontano un uomo che cammina per strada e scivola su una buccia di banana, è divertente. Ma se ti avvicini, non è più divertente perchè si vede il dolore... Per comprendere la mia vita e quella altrui mi sforzo di osservare sempre attraverso la doppia inquadratura... Così quando prendi qualcosa troppo sul serio riesci magari anche a riderne e a conservare il buon umore... E invece quando prendi qualcosa troppo poco sul serio scopri che devi fermarti e comprenderla...

PS. Potete ricevere gli aggiornamenti direttamente al vostro indirizzo di posta elettronica, iscrivendovi al link a fianco.

mercoledì 1 ottobre 2008

Sonostupida

Sonostupida è un'alunna (o alunno) che spesso ti trovi in classe. E già le vuoi bene più di tutti per quel nome che la vita (o qualcuno...) le ha, a torto, affibbiato.
Sonostupida prima di fare una domanda premette sempre che la sua domanda forse è stupida o che poichè lei è stupida allora fa quella domanda.
Sonostupida ci tiene a sottolineare che lei non ha mai capito un certo argomento nè lo capirà mai.
Sonostupida usa la parola "impossibile" ogni 2 frasi.
Sonostupida è convinta in partenza che tanto non capirà e quindi non capisce.
Sonostupida è tutt'altro che stupida: ha solo bisogno di tempo e di fiducia (tutta colpa dei Dissennatori...).
Sonostupida è la migliore della classe, perchè è lei quella che deve accettare la sfida più difficile: smettere di credersi stupida, semplicemente perchè le hanno affibbiato questo nome (se ti hanno chiamato Annibale che ci puoi fare... Non è colpa tua e, come minimo, devi sconfiggere i Romani, superando le Alpi con gli elefanti, per accreditare il tuo nome).

Sonostupida da oggi cambi nome, almeno nelle mie ore.
Tu sei Sonopronta.

7 commenti:

isabel ha detto...

Caro prof 2.0,
da figlia, da madre, mi chiedo chi sia responsabile della nostra autostima...

Prof 2.0 ha detto...

isabel: i genitori in primo luogo, in secondo luogo tutti gli altri "grandi" con cui passiamo l'infanzia e l'adolescenza: prof, educatori, maestri di musica, allenatori...

indecisa ha detto...

salve prof, ora come ora mi sottovaluto anch'io come sonostupida ma lo faccio più che altro per giustificare i miei brutti voti o le mie note è un modo per preavvisare e per ricevere più meriti se prendo un bel voto. sa penso che al giorno d'oggi i genitori non ti dicano molto brava quando porti a casa un bellissimo voto ti sgridano e ti fanno sentire in colpa più del dovuto,invece,se prendi un butto voto. sarà forse sbaglio me lo dica lei però

Prof 2.0 ha detto...

indecisa: io credo che tu debba provare a superare la paura di essere te stessa, con pregi e difetti. E non vergognarti dei voti, mai! Se hai preso un brutto voto perché hai studiato poco accettalo. E accetta le critiche, se sono vere. Ma non buttarti giù per prevenire, finirai col convincerti che non vali. E forse è il momento di fare una bella chiacchierata a tu per tu, con serenità, con papà e mamma. Solo la verità aiuta a trovare sé stessi e tu sai qual è volta per volta. Che ne dici?

indecisa ha detto...

prof dico che non sarà facile anzi per niente però ci provo...tentar non nuoce...

indecisa ha detto...

grazie...1000...

Prof 2.0 ha detto...

Indecisa: ti sorprenderai a scoprire che è più semplice di quello che pensi. Rimango a disposizione e fammi sapere come va. Grazie a te!