Lo spirito del blog - La vita: commedia o tragedia?

Questione di inquadrature. La commedia è la vita in campo lungo e la tragedia la vita in primo piano. Se inquadri da lontano un uomo che cammina per strada e scivola su una buccia di banana, è divertente. Ma se ti avvicini, non è più divertente perchè si vede il dolore... Per comprendere la mia vita e quella altrui mi sforzo di osservare sempre attraverso la doppia inquadratura... Così quando prendi qualcosa troppo sul serio riesci magari anche a riderne e a conservare il buon umore... E invece quando prendi qualcosa troppo poco sul serio scopri che devi fermarti e comprenderla...

PS. Potete ricevere gli aggiornamenti direttamente al vostro indirizzo di posta elettronica, iscrivendovi al link a fianco.

giovedì 16 ottobre 2008

Sono stufo, ma felice!

Sono stufo del giornale che mostra la famiglia come luogo di nefandezze e omicidi inspiegabili. Sono stufo perché per ognuno di questi casi ce ne sono almeno 100 di famiglie che, seppur con i loro limiti, sono unite e forti. Ma nessuna di queste 100 viene mai raccontata.
Sono stufo della paura che la tv incute nei ragazzi, risucchiando le loro speranze nel futuro e costringendoli a considerare solo il momento presente, perché tanto il mondo ti sta aspettando solo per devastare le tue illusorie speranze (ammesso che tu abbia trovato il coraggio di coltivarle...).
Sono stufo di Galimberti che vende libri scopiazzati, senza citare i colleghi dai quali attinge, e ripete che la ricerca di senso è un concetto religioso del tutto inutile.
Sono stufo di Ozpetek e dei suoi film in cui nell'ultima scena il padre uccide i due figli piccoli, come se non bastasse la cronaca più nera.
Sono stufo della De Filippi che fa passare per profondità il litigio costruito ad arte.
Per questo tutti i giorni entro in classe e faccio la mia stupida e inutile battaglia, contro questi giganti che hanno migliaia e migliaia di spettatori.
E se guardo a questa foto dei miei genitori, che sorridono così dopo più di 40 anni di matrimonio, se guardo questa foto che oggi mio papà mi ha mandato, capisco perché questa battaglia non la abbandonerò mai e riempirà di senso (e non del "con-senso" delle folle) la mia vita. Perché questo sorriso è possibile ed è di chi per una vita ha costruito e realizzato speranze.

14 commenti:

Anonimo ha detto...

E chi l'ha detto che non credo nel futuro? Io mi aspetto un futuro roseo e sono convinto che presto l'Italia e l'intera economia Occidentale si riprenderà!!!
Sono stufo di sentire tutti i giorni che non ci sarà più un futuro!!! Basta!!!!

Baffo racconta ha detto...

Sono molto contento di averti regalato dei momenti di felicità,
Papà

Giovanni Affinita ha detto...

bè, Prof, te lo scrivo anche qui, in virtù di quella particolare amicizia che ci lega :-)


"Il Bene non fa rumore"

biancaneve ha detto...

Privilegi dell'essere un uomo: puoi essere stufo, e anche felice. Una donna se è stufa è - letteralmente - incandescente. O no?

Prof 2.0 ha detto...

anonimo: fatti sentire!

baffo: non dimagrire troppo...

giovanni: non fa rumore ma sarebbe bene ne facesse un po' di più...

biancaneve: se me lo dici tu io ci credo... è così difficile davvero per una donna?

isabel ha detto...

...praticamente impossibile! Te lo dico io. ;-)

L'Anonimo ha detto...

anonimo: fatti sentire!



fosse facile!!! Sono tutti pessimisti...

Anonimo ha detto...

Caro prof. ottimista,

gli anni sono pochi di più e come sai nei gran premi, più si va avanti, più si può essere stanchi, stufi o incandescenti. Quindi cita i numeri con esattezza.
Poi che ognuno faccia il suo dovere, come dice nei vari post, però alla fine i Galimberti, le De Filippi, e tutti gli altri passano e le famiglie, quelle giuste, restano. Quindi, impegnati ma sereni, che è un aiuto per essere più di cento.
E poi il mondo è grande e di famiglie belle, anche più belle di quella di Prof 2.0 (forse, non lo so, ogni scarrafone è bello al Prof suo) ce ne sono tante, più di cento (anch'io gioco in casa e quindi beh questa per molti versi è la famiglia più bella del mondo. E una famiglia così in proporzione vale migliaia di famiglie non-famiglie.



The "Fonz"

Prof 2.0 ha detto...

isabel: mi fido...

l'anonimo: tu ed io no...

the fonz: impegnati ma sereni. Se non sembrasse un motto da partito politico lo farei mio...

Anonimo ha detto...

Ricordati che Fonzie era stato abbandonato dalla sua famiglia e il suo obiettivo vero nella vita era trovare una vera famiglia...

Screwball ha detto...

Comunque, il futuro non è più quello di una volta!

Anonimo ha detto...

i miei hanno superato i 50 anni di sorrisi come quello, e combatto in aula la tua stessa battaglia, altrettanto stufa e altrettanto felice :) - anna

Prof 2.0 ha detto...

screwball: magari è migliore...

anna: facciamo una scuola!

Screwball ha detto...

Certo che è migliore, sennò non ci si mette neanche...