Lo spirito del blog - La vita: commedia o tragedia?

Questione di inquadrature. La commedia è la vita in campo lungo e la tragedia la vita in primo piano. Se inquadri da lontano un uomo che cammina per strada e scivola su una buccia di banana, è divertente. Ma se ti avvicini, non è più divertente perchè si vede il dolore... Per comprendere la mia vita e quella altrui mi sforzo di osservare sempre attraverso la doppia inquadratura... Così quando prendi qualcosa troppo sul serio riesci magari anche a riderne e a conservare il buon umore... E invece quando prendi qualcosa troppo poco sul serio scopri che devi fermarti e comprenderla...

PS. Potete ricevere gli aggiornamenti direttamente al vostro indirizzo di posta elettronica, iscrivendovi al link a fianco.

giovedì 26 febbraio 2009

A viva voce

Appuntamento alle 12.00 con un amico romano.
Costretto ad interrompere un lavoro importante esco di casa trafelato, ma ci tengo a incontrarlo dopo tanto tempo che non ci vediamo: almeno 5 anni.
Ore 12.05. SMS dell'amico: "Mi spiace, non riesco ad arrivare".
Rispondo un po' innervosito: "Pazienza. Faremo un'altra volta".
Nuovo SMS: "Facciamo domani alla stessa ora?".
Silenzio.

E' proprio vero la tecnologia non solo ha aumentato la rapidità delle comunicazioni, ma anche la solitudine; ha diminuito le difficoltà comunicative, ma anche il coraggio di assumersi le proprie responsabilità "a viva voce".

6 commenti:

Anonimo ha detto...

Già...aggiungo che ha aumentato il vile coraggio ( di alcuni) di mascherarsi.
Tieni duro prof!
Carmen

walter ha detto...

OUCH...mi dispiace alex!

Bibbi ha detto...

Sono d'accordissimo..
Alla fine è un pò come quello che sta capitando con facebook!

don Luca Peyron ha detto...

Il vescovo di Torino blogga... è totalmente ot, ma a viva voce da oggi c'è anche un vescovo... se vi può fare piacere lo trovare qui

www.iltesoro.org

Grazie prof.

Prof 2.0 ha detto...

Carmen: ci proco...

Walter: anche a me...

Bibbi: dipende da come lo usi.

don Luca: grazie e buon lavoro!

Charles ha detto...

Eh, si! E' proprio così prof.

Bye,
Charles