Lo spirito del blog - La vita: commedia o tragedia?

Questione di inquadrature. La commedia è la vita in campo lungo e la tragedia la vita in primo piano. Se inquadri da lontano un uomo che cammina per strada e scivola su una buccia di banana, è divertente. Ma se ti avvicini, non è più divertente perchè si vede il dolore... Per comprendere la mia vita e quella altrui mi sforzo di osservare sempre attraverso la doppia inquadratura... Così quando prendi qualcosa troppo sul serio riesci magari anche a riderne e a conservare il buon umore... E invece quando prendi qualcosa troppo poco sul serio scopri che devi fermarti e comprenderla...

PS. Potete ricevere gli aggiornamenti direttamente al vostro indirizzo di posta elettronica, iscrivendovi al link a fianco.

giovedì 24 settembre 2009

Avvicinare il segreto che è in noi...

Dedicato ai miei alunni di V ginnasio:

video

4 commenti:

Anonimo ha detto...

La parola non riuscira' mai a dare il segreto che c'è in noi , ma lo avvicina..

Lo ascolterei per ore..
bellissimo.


Ale

Anonimo ha detto...

"La parola non riuscirà a dare mai il segreto che è in noi, ma lo avvicina..."
Mi sono commossa...
La parola a volte non può svelare un segreto, ma se la parola rivelasse l'indicibile, la musica nel suono lo custodirà e rimarrà lì per sempre...
Parola e musica hanno una radice in comune che le identifica: la profondità...e dove finisce una inizia l'altra...

ex-alunnomanontroppo ha detto...

Grazie.
Grazie.
Grazie per avermi fatto conoscere questo immenso autore che è l'autore dell'immenso.
Dopo di te non mi è stato fatto più studiare con il dovuto riguardo, ma ne è nata una passione. Ora è il mio poeta contemporaneo preferito tanto più che nel leggerlo e studiarlo per conto mio ho scoperto che nonno vi entrò in contatto insieme al Cardarelli e costoro influenzarono la sua poesia.. e ora mi tornano molte cose.

Grazie.

Prof 2.0 ha detto...

Grazie a Ungà.