Lo spirito del blog - La vita: commedia o tragedia?

Questione di inquadrature. La commedia è la vita in campo lungo e la tragedia la vita in primo piano. Se inquadri da lontano un uomo che cammina per strada e scivola su una buccia di banana, è divertente. Ma se ti avvicini, non è più divertente perchè si vede il dolore... Per comprendere la mia vita e quella altrui mi sforzo di osservare sempre attraverso la doppia inquadratura... Così quando prendi qualcosa troppo sul serio riesci magari anche a riderne e a conservare il buon umore... E invece quando prendi qualcosa troppo poco sul serio scopri che devi fermarti e comprenderla...

PS. Potete ricevere gli aggiornamenti direttamente al vostro indirizzo di posta elettronica, iscrivendovi al link a fianco.

venerdì 24 aprile 2009

I veri terremoti

video

4 commenti:

Anonimo ha detto...

Sottoscrivo in pieno e lo faccio da ex baraccata (lo sono stata dalla nascita fino ai 10 anni): è bello crescere per strada!

Anonimo ha detto...

Non dovremmo aspettare queste tragedie per capire i veri valori della vita…
Diamo tutto per scontato, come se ci fosse dovuto, come se tutto ci appartenesse.
E invece...basta un attimo e tutto cambia...
Riesci ad apprezzare anche le piccole cose, guardi gli altri da un punto di vista diverso.
Ammiro la forza di coloro che non hanno più nulla tra le mani, ma gli è rimasta soltanto la speranza, perché è proprio da qui che si comincia a vivere...
Io ho fatto ben poco per loro, ma ringrazio i volontari che hanno messo a disposizione degli altri tutta la loro solidarietà umana...
Credo che per strada si apprende a condividere il calore degli uomini e a manifestare ciò che non si vede: i nostri sentimenti veri.
Ciao prof

Anonimo ha detto...

Forse ciò che impedisce "nella vita normale" di vivere l'amicizia con le persone del proprio palazzo, del proprio quartiere e della propria città è la paura e l'avere tutto ciò che di materiale si ha bisogno.
Vien voglia di essere più buoni! Vien voglia di fermarsi un pò!
Vien voglia di avere meno cose!

Prof 2.0 ha detto...

A volte è solo un problema di comodità. Per voler bene agli altri occorre scomodarsi. Il terremoto ha scomodato tutti, non c'è stata scelta. Il punto è scomodarsi per scelta... Anche se basta poco e come si vede ci si guadagna.